RENATO ANGELONI

Pubblicazioni

RENATO ANGELONI

 

17 pubblicazioni classificate nel seguente modo:

Nr. doc. Classificazioni
7 1 Contributo su Rivista
5 2 Contributo in Volume
4 4 Contributo in Atti di Convegno (Proceeding)
1 8 Tesi di dottorato
Anno
Risorse
2021
La riproducibilità digitale per un nuovo approccio alla documentazione e fruizione del cultural heritage.
Autore/i: Angeloni, Renato
Editore: Università Politecnica delle Marche
Classificazione: 8 Tesi di dottorato
Abstract: Il presente lavoro di tesi si inserisce nell'ambito del processo di trasformazione digitale del Patrimonio Culturale, di cui approfondisce i temi legati alla documentazione e fruizione tramite soluzioni tecnologiche innovative. L'integrazione di diversi metodi di acquisizione permette infatti di elaborare facsimili digitali che, sfruttando le potenzialità di realtà aumentata, mista e virtuale, nonché della fabbricazione digitale, offrono nuove modalità di tutela e disseminazione del Patrimonio. Partendo dalla documentazione del bene culturale, si sono così strutturate innovative esperienze di fruizione per ciascuno dei casi di studio affrontati: un’applicazione di realtà aumentata per i disegni del Codice Atlantico di Leonardo, in grado di generare dei modelli tridimensionali interattivi delle macchine leonardiane a partire dalle loro rappresentazioni originali; un’esperienza di visita virtuale immersiva dello Studiolo di Palazzo Ducale a Urbino, per svelare i tanti significati nascosti nelle rappresentazioni presenti sulle sue pareti; la ricostruzione fisica e virtuale delle Grotte di Palazzo Campana a Osimo, soluzione mirata a renderle accessibili preservandone il fragile equilibrio; infine il tour virtuale della Pinacoteca di Ancona, per una proposta di visita da remoto ai suoi spazi e alla sua collezione. Tali soluzioni, presentando alcune innovazioni sia nella filiera di documentazione che nella fruizione, propongono un’esperienza del Patrimonio Culturale accessibile “dovunque e a chiunque”, per un’esperienza più “evoluta”, che non sia semplice replica di quella dell’opera originale.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/289664 Collegamento a IRIS

2021
Measuring and evaluating visitors' behaviors inside museums: the Co. ME. project
SCIRES-IT
Autore/i: Angeloni, Renato; Pierdicca, Roberto; Paolanti, Marina; Mancini, Adriano; Tonelli, Andrea
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/291737 Collegamento a IRIS

2021
Con Colocci e Raffaello nella Scuola mdi Atene, tecnologie immersive per un viaggio virtuale
Raffello e Angelo Colocci, Bellezza e Scienza nella costruzione del mito della Roma antica
Autore/i: Clini, Paolo; Angeloni, Renato; D'Alessio, Mirco
Editore: Maggioli spa
Luogo di pubblicazione: Sant'Arcangelo di Romagna
Classificazione: 2 Contributo in Volume
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/292663 Collegamento a IRIS

2021
L'Adriatico come accesso alla cultura tangibile e intangibile dei porti: il Virtual Museum di Ancona
CONNETTERE - UN DISEGNO PER ANNODARE E TESSERE · CONNECTING - DRAWING FOR WEAVING RELATIONSHIPS. LINGUAGGI, DISTANZE, TECNOLOGIE
Autore/i: Clini, Paolo; Quattrini, Ramona; Nespeca, Romina; Angeloni, Renato; D'Alessio, Mirco
Editore: Franco angeli Editore
Classificazione: 4 Contributo in Atti di Convegno (Proceeding)
Abstract: Questo contributo racconta dell’Adriatico come porta di accesso al patrimonio tangibile e intangibile dei porti che vi si affacciano. Il lavoro si inserisce nel progetto Interreg IT-HR REMEMBER, che mira a creare una rete per la valorizzazione congiunta di otto porti-città in Italia e Croazia (Ancona, Ravenna, Venezia, Trieste, Fiume, Zara, Spalato, Dubrovnik). L’obiettivo del lavoro è promuovere il patrimonio culturale marittimo come leva per lo sviluppo sostenibile dei territori: Adrijo è il nuovo network che si propone di far riscoprire i valori legati alla relazione col mare, risorsa capace di generare ricchezza economica, culturale e artistica. Per la realizzazione di Adrijo è stata sviluppata una piattaforma ICT modulare e multiutente, con un approccio interoperabile e multicanale. I contenuti possono essere visualizzati in diversi modi, rendendo il sistema flessibile e scalabile. All’interno della rete sono ospitate le esperienze digitali (Virtual Museum-VM) personalizzate su ogni realtà locale, ma fruibili a livello globale. In particolare, l’articolo riguarda un approfondimento relativo al VM del porto di Ancona, in corso di sviluppo, descrivendone obiettivi, metodologia e stato di realizzazione. Il connubio fra una scientifica documentazione digitale e un sostenibile sviluppo delle tecnologie di fruizione fa emergere la capacità del disegno di diventare un linguaggio efficace per la promozione dell’immenso patrimonio culturale materiale e immateriale di questi luoghi.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/292942 Collegamento a IRIS

2020
Digital Facsimiles of Architectural Heritage: New Forms of Fruition, Management and Enhancement. The Exemplary Case of the Ducal Palace at Urbino
Graphical Heritage
Autore/i: Clini, Paolo; Quattrini, Ramona; Nespeca, Romina; Angeloni, Renato; Mammoli, Raissa
Editore: Springer
Luogo di pubblicazione: Cham
Classificazione: 2 Contributo in Volume
Abstract: The digitalization of cultural heritage is a necessary multidimensional process to protect historical and cultural heritage, enabling in-depth knowledge and to manage it as completely as possible. The case study here presented shows the first challenging task of a multidisciplinary research project: the general aim is to improve an exemplary architectural object starting from its complete digitalization and to propose multisensory fruition solutions. This article analyzes the early stage that is the architectural survey, modeling and parameterization. The integration of different techniques is mandatory to obtain a final outcome representing a reliable basis for conservation and valorization of the Cultural Heritage. The digitalization workflow includes different sensors and scales, such as terrestrial and portable laser scanners, 360 and HD images. The achieved goal is a digital model, scientifically validated, with high accuracy that contains 3D data and that is configured as a starting point for the reconstruction of the artifact historical phases and for VR/AR applications. The research shows a solid and interdisciplinary approach applied to the case study: the activities and addressed challenges reveal a response to multifaceted problems.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/278816 Collegamento a IRIS

2020
Facsimili digitali del patrimonio architettonico per nuove forme di fruizione, gestione e valorizzazione. Il caso esemplare del Palazzo Ducale di Urbino
El patrimonio gráfico. La gráfica del patrimonio
Autore/i: Clini, P.; Quattrini, R.; Nespeca, R.; Angeloni, R.; Mammoli, R.
Classificazione: 4 Contributo in Atti di Convegno (Proceeding)
Abstract: La digitalizzazione del patrimonio culturale è un processo multidimen-sionale necessario per salvaguardare i beni storico-artistici, per averne una cono-scenza profonda e per gestirli nel modo più completo possibile. Il caso studio presentato mostra il primo stimolante obiettivo di un progetto di ricerca multidi-sciplinare che intende migliorare un oggetto architettonico esemplare a partire dalla sua completa digitalizzazione e proporre soluzioni di godimento multisen-soriale. Questo articolo mostra i primi risultati nel campo del rilievo architetto-nico, della modellazione e della parametrizzazione. L'integrazione di diverse tec-niche è necessaria per ottenere un prodotto finale valido che possa costituire una base per la conservazione e la valorizzazione del Patrimonio Culturale. Il flusso di lavoro della digitalizzazione comprende sensori e scale diverse, come laser scanner statici e portatili, immagini 360 e HD. L'obiettivo raggiunto è un modello digitale, scientificamente validato, ad alta accuratezza che contenga dati 3D e che si configuri come punto di partenza per la ricostruzione delle fasi storiche dell'ar-tefatto e per le applicazioni VR / AR. La ricerca mostra un approccio solido e interdisciplinare applicato al caso studio: le attività e le sfide affrontate indicano che possono dimostrare problemi multilivello.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/286032 Collegamento a IRIS

2020
La Pinacoteca Civica F. Podesti di Ancona: un laboratorio didattico per la digitalizzazione del Patrimonio
CONNETTERE - UN DISEGNO PER ANNODARE E TESSERE · CONNECTING - DRAWING FOR WEAVING RELATIONSHIPS
Autore/i: Clini, Paolo; Quattrini, Ramona; Angeloni, Renato; D'Alessio, Mirco; Lanari, Laura
Editore: Franco Angeli
Classificazione: 4 Contributo in Atti di Convegno (Proceeding)
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/285664 Collegamento a IRIS

2020
Realtà virtuale e potenzialità dei facsimili digitali per i musei. Il caso dello Studiolo del Duca di Urbino Virtual reality and the potential of digital facsimiles for museums. The Duke of Urbino's Studiolo
DISEGNARE IDEE IMMAGINI
Autore/i: Clini, Paolo; Quattrini, Ramona; Angeloni, Renato; D'Alessio, Mirco; Cappucci, Rosalba
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: Lo Studiolo di Federico da Montefeltro permette ancora oggi di ammirare il gusto fastoso della corte urbinate. Le tarsie lignee, i ritratti degli Uomini Illustri e il soffitto a lacunari dorati adornano infatti questo spazio di una ricca simbologia celebrativa del Duca, nella sua duplice natura di uomo di guerra e uomo di pace. Il presente contributo ne propone una fruizione virtuale, una narrazione interattiva che svela la figura di Federico attraverso questo suo luogo d’elezione e che si configura come mezzo per mantenerlo accessibile anche laddove una chiusura forzata non ne permetta una fruizione fisica.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/289912 Collegamento a IRIS

2019
Metodiche integrate di documentazione digitale per l’architettura in ferro e vetro: IL MERCATO DELLE ERBE DI ANCONA
DISEGNARE IDEE IMMAGINI
Autore/i: CLINI, Paolo; DOMENICI, GIORGIO; ANGELONI, RENATO
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: Il mercato storico di Ancona, in pieno stile liberty, consiste in un fabbricato in ferro e ghisa costruito tra il 1923 e il 1926 con lo scopo di dare copertura al già esistente mercato cittadino di Piazza delle Erbe. Un edificio simbolo della città e di uno stile architettonico che si diffonde tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Un edificio molto complesso per forma e materiali in grave stato di degrado e conservazione che pone una sfida tecnica e metodologica non indifferente alla sua digitalizzazione indispensabile strumento di conservazione e valorizzazione. Il contributo descrive questa complessa operazione di documentazione, ricostruendo, anche attraverso i disegni storici, la sua affascinate storia.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/268795 Collegamento a IRIS

2019
Le Macchine virtuali di Leonardo
Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
Autore/i: CLINI, Paolo; CALLEGARI, Massimo; BRILLARELLI, STEFANO; ANGELONI, RENATO; Mirco, D'Alessio
Editore: Marsilio editore
Luogo di pubblicazione: Venezia
Classificazione: 2 Contributo in Volume
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/267842 Collegamento a IRIS

2019
Digit(al)isation in Museums: Civitas Project – AR, VR, Multisensorial and Multiuser Experiences at the Urbino’s Ducal Palace
Virtual and Augmented Reality in Education, Art, and Museums
Autore/i: Clini, Paolo; Quattrini, Ramona; Bonvini, Paolo; Nespeca, Romina; Angeloni, Renato; Mammoli, Raissa; Dragoni, Aldo Franco; Morbidoni, Christian; Sernani, Paolo; Mengoni, Maura; Leopardi, Alma; Silvestrini, Mauro; Gambelli, Danilo; Cori, Enrico; Gallegati, Marco; Tamberi, Massimo; Fraticelli, Fabio; Acciarri, Maria Cristina; Mandolesi, Serena
Editore: IGI Global
Luogo di pubblicazione: Hershey
Classificazione: 2 Contributo in Volume
Abstract: Digit(al)isation of Cultural Heritage is a multidimensional process that helps in the rescue of European Cultural Identity, and the paradigm of Digital Cultural Heritage (DCH) is a valid instrument for social and cognitive inclusion of museum visitors. In light of disseminating and validating new paradigms for the enjoyment and exploitation of Cultural Heritage (CH) artifacts, this chapter shows main first results from CIVITAS (ChaIn for excellence of reflectiVe societies to exploit dIgital culTural heritAge and museumS). The project develops virtual/augmented environments, through the multisensorial interaction with virtual artworks, to satisfy needs and overcome limitations in a larger CH scenario, applying a bottom-up approach. The research presented show a robust and interdisciplinary approach applied to Ducal Pace at Urbino: key activities and faced challenges demonstrated to test cross-fertilization strategies, involving multilayered issues.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/272237 Collegamento a IRIS

2019
Modelli digitali per comunicare il patrimonio e l'intervento di restauro. Palazzetto Baviera di Senigallia
ARCHEOMATICA
Autore/i: QUATTRINI, Ramona; GASPARETTO, FRANCESCA; ANGELONI, RENATO; D'ALESSIO, MIRCO
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: The most convincing experiments currently carried out in the field of Digital Cultural Heritage consist in integrating more different information in order to contribute to the aim of enhancing the communicability of the heritage and its values. This is facilitated by widely tested technologies, including on cultural heritage. High-definition 3D models, which can be obtained from digital surveys, even if they are expeditious, are a powerful tool for visual dissemination, but they also pave the way for communicating the subject. A new type of storytelling, which organizes data operating around and for an artistic object, allows to create models enriched by increasingly stimulating information. The example of the Palazzetto Baviera 3D app, developed with the Municipality of Senigallia (AN), shows how a correct integration between 3D technology, historical-critical insights and technical documentation leads to interactive tools that can satisfy more curiosity, both scientific and tourist.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/277324 Collegamento a IRIS

2019
Leonardo digitale, applicazioni virtuali per il cinquecentenario leonardiano alla mostra “Leonardo e Vitruvio. oltre il cerchio e il quadrato.”
ARCHEOMATICA
Autore/i: CLINI, Paolo; ANGELONI, RENATO; D'ALESSIO, MIRCO; Buroni, Paolo; Buroni, Alex
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: Realizzazioni di app di realtà aumentata per la visione e l'interazione con Disegni di leonardo realizzata in occasione di una Mostra su Leonardo da Vinci per il Cinquecentenario
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/276294 Collegamento a IRIS

2019
Combining Image Targets and SLAM for AR-Based Cultural Heritage Fruition
Lecture Notes in Computer Science (including subseries Lecture Notes in Artificial Intelligence and Lecture Notes in Bioinformatics)
Autore/i: Sernani, P.; Angeloni, R.; Dragoni, A. F.; Quattrini, R.; Clini, P.
Editore: Springer Verlag
Classificazione: 2 Contributo in Volume
Abstract: Augmented Reality (AR) is one of the prominent technologies in Cultural Heritage (CH) exploitation. Taking advantage of commonly used tools as smartphones and tablets, digital contents have the potential to improve visitors’ understanding and enjoyment of historical buildings and museums. In this regard, the early stage research described in this paper aims to develop an AR app combining image target-based AR and Simultaneous Localization And Mapping (SLAM). Leading visitors’ attention, the app will enhance CH fruition turning it in an interactive learning experience. The presented case study, the “Studiolo” of the Duke in the “Palazzo Ducale” of Urbino, with its high concentration of depicted elements, is ideal to explain the advantages of combining image target and SLAM to achieve a stable and reliable AR. In addition to information superimposed to Points of Interest (POIs), SLAM can be used to anchor suggestions about different POIs into specific positions inside the “Studiolo”, guiding the users’ orientation during the visit.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/270836 Collegamento a IRIS

2019
THE INTEGRATED SURVEY OF NARROW SPACES AND UNDERGROUND ARCHITECTURE: THE CASE STUDY OF CAMPANA CAVES BAS-RELIEFS
INTERNATIONAL ARCHIVES OF THE PHOTOGRAMMETRY, REMOTE SENSING AND SPATIAL INFORMATION SCIENCES
Autore/i: Clini, P.; Nespeca, R.; Angeloni, R.; Mammoli, R.
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: Italian Cultural Heritage is rich in fascinating Underground Heritage (UH) to be protected and preserved because of its fragility and historical importance. An accurate and high-resolution 3D model is essential to reach an appropriate level of knowledge to safeguard caves but there are several obstacles to face. Underground data acquisition and following elaborations are problematic due to environmental conditions such as lack of homogeneous light sources, highly absorbing and unstable surfaces, narrow spaces and complex geometry. For these reasons, the integration of different techniques is mandatory to achieve a valid final product that could be an important basis for consolidation, preservation and valorization of the UH. In this paper, an integrated survey method is tested for a realistic digital reconstruction of hypogeal spaces. In addition to outputs for experts of conservation, the creation of multimedia products for a wider audience of non-professionals users is investigated as a way to preserve UH from decay. Thanks to VR, visitors virtually walk through the underground galleries observing and interacting, making accessible also fragile environments with forbidden access due to preservation policies
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/265227 Collegamento a IRIS

2018
Pseudo olografia per la fruizione interattiva dei Beni Culturali. Le formelle di Francesco di Giorgio Martini a Palazzo Ducale di Urbino
Rappresentazione Materiale Immateriale. Drawing as (in)tangible Representation
Autore/i: CLINI, Paolo; Buroni, Paolo; RUGGERI, LUDOVICO; ANGELONI, RENATO
Editore: Gangemi editore
Classificazione: 4 Contributo in Atti di Convegno (Proceeding)
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/260208 Collegamento a IRIS

2018
Interactive immersive virtualmuseum: Digital documentation for virtual interaction
INTERNATIONAL ARCHIVES OF THE PHOTOGRAMMETRY, REMOTE SENSING AND SPATIAL INFORMATION SCIENCES
Autore/i: Clini, P.; Ruggeri, L.; ANGELONI, RENATO; Sasso, M.
Classificazione: 1 Contributo su Rivista
Abstract: Thanks to their playful and educational approach Virtual Museum systems are very effective for the communication of Cultural Heritage. Among the latest technologies Immersive Virtual Reality is probably the most appealing and potentially effective to serve this purpose; nevertheless, due to a poor user-system interaction, caused by an incomplete maturity of a specific technology for museum applications, it is still quite uncommon to find immersive installations in museums. This paper explore the possibilities offered by this technology and presents a workflow that, starting from digital documentation, makes possible an interaction with archaeological finds or any other cultural heritage inside different kinds of immersive virtual reality spaces. Two different cases studies are presented: the National Archaeological Museum of Marche in Ancona and the 3D reconstruction of the Roman Forum of Fanum Fortunae. Two different approaches not only conceptually but also in contents; while the Archaeological Museum is represented in the application simply using spherical panoramas to give the perception of the third dimension, the Roman Forum is a 3D model that allows visitors to move in the virtual space as in the real one. In both cases, the acquisition phase of the artefacts is central; artefacts are digitized with the photogrammetric technique Structure for Motion then they are integrated inside the immersive virtual space using a PC with a HTC Vive system that allows the user to interact with the 3D models turning the manipulation of objects into a fun and exciting experience. The challenge, taking advantage of the latest opportunities made available by photogrammetry and ICT, is to enrich visitors’ experience in Real Museum making possible the interaction with perishable, damaged or lost objects and the public access to inaccessible or no longer existing places promoting in this way the preservation of fragile sites.
Scheda della pubblicazione: https://iris.univpm.it/handle/11566/258828 Collegamento a IRIS




Università Politecnica delle Marche

P.zza Roma 22, 60121 Ancona
Tel (+39) 071.220.1, Fax (+39) 071.220.2324
P.I. 00382520427